Europeana Europa che pensa alla cultura

 

Europeana è un’enciclopedia europea che nasce da un’idea di una lettera inviata alla Presidenza del Consiglio e alla Commissione Europea in data 28 aprile 2005. Sei Capi di Stato e di Governo suggerivano la creazione di una biblioteca virtuale europea, allo scopo di rendere accessibili a tutti le risorse culturali e scientifiche europee. Il 30 settembre 2005 la Commissione Europea pubblicò la comunicazione i2010, che presentava la strategia volta a promuovere e sostenere la creazione di una biblioteca digitale europea, obiettivo strategico all’interno di i2010. La finalità fissata dalla Commissione europea per Europeana è di rendere le risorse informative europee più facili da usare in rete. Europeana si fonderà sul ricco patrimonio culturale europeo, combinando il contesto multiculturale e multilingue con il progresso tecnologico e i nuovi modelli di business. Il prototipo di Europeana è il risultato di un progetto della durata di due anni, iniziato nel luglio 2007. Europeana è andata online il 20 novembre 2008, inaugurata da Viviane Reding, Commissario europeo per la Società dell’informazione e i media. Europeana è una Thematic Network (rete telematica) finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del programma eContentplus, come parte dell’iniziativa i2010. Originariamente conosciuta come rete della Biblioteca digitale europea “European Digital Library Network, EDLnet”  nasce dalla collaborazione di 100 rappresentanti di organizzazioni per il patrimonio culturale e la conoscenza ed esperti di tecnologie dell’informazione provenienti da tutta Europa. Costoro partecipano ai gruppi di lavoro che operano per chiarire questioni tecniche e di usabilità. Il progetto è gestito da un team che ha sede nella Biblioteca nazionale dei Paesi Bassi, la Koninklijke Bibliotheek. Il progetto si basa sull’esperienza gestionale e tecnica sviluppate da The European Library (TEL), un servizio della Conferenza delle biblioteche nazionali europee (CENL). La supervisione del progetto è affidata alla Fondazione EDL, che comprende associazioni chiave nell’ambito del patrimonio culturale europeo, attive nei quattro settori. Lo statuto della fondazione impegna i membri a:

  • Garantire l’accesso al patrimonio culturale e scientifico europeo attraverso un portale trasversale
  • Cooperare alla manutenzione e alla sostenibilità del portale
  • Incentivare le iniziative volte a raccogliere i contenuti digitali esistenti
  • Sostenere la digitalizzazione del patrimonio culturale e scientifico europeo

Europeana è finanziata dalla Commissione Europea e dagli Stati membri dell’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
= 4 + 3